Rocca di Bazzano

 

Ultima tappa e ultimo monumento che accompagna la Via dei Brentatori è la Rocca di Bazzano o dei Bentivoglio. La conclusione di questo percorso non poteva che essere qui, dove attualmente ha sede la Compagnia dell’Arte dei Brentatori.

La storia della Rocca di Bazzano comincia prima dell’anno Mille; si sa inoltre che nel 1038 il Vescovo di Modena Guiberto la concede al Marchese Bonifacio di Canossa, padre di Matilde, che lo riceverà poi in eredità. Ma la Rocca di Bazzano come la vediamo adesso non è quella dell’anno Mille. Nel XIII secolo la struttura fu infatti distrutta dai Bolognesi. La fortezza venne poi ricostruita già dalla fine del ‘200, ma il suo aspetto attuale risale all’epoca Rinascimentale, grazie alla famiglia Bentivoglio. Fu infatti Giovanni II Bentivoglio a trasformarla per renderla una delle sue dimore dedicate alle vacanze.

Dopo i Bentivoglio, la Rocca ha avuto diverse funzioni, tra cui quella di carcere, che ospitò, suo malgrado, anche Ugo Foscolo nel 1799. Attualmente la Rocca ospita il Museo Archeologico “A. Crespellani”.

PERCORSO

 Circa 44 km, dalla Piazza Maggiore di Bologna alla Rocca di Bazzano, tra la bellezza della natura e tante testimonianze storico-artistiche da ammirare e riscoprire zaino in spalla.

DA NON PERDERE

Scopri tutti i luoghi di interesse culturale e non che puoi incontrare e visitare lungo il percorso